La Checklist per realizzare il Modello di Impresa 4.0

linea di produzione in fabbrica
artificial intelligence digital transformation internet of things

Da quando è stato annunciato il Piano Nazionale Impresa 4.0, si fa un gran parlare di questo programma, che si pone l’obiettivo ambizioso di ricostruire il sistema delle aziende italiane, affrontando finalmente la sfida della digital transformation.

Quello che abbiamo imparato a conoscere come Impresa 4.0, però, non è un processo semplice e immediato. Si tratta, al contrario, di un percorso di innovazione graduale, da coltivare con costanza, passo dopo passo. Una checklist può essere utile per tenere traccia dei passi già compiuti e di quelli ancora da compiere.

Innovare il proprio modello di business

Innovare il proprio modello di business significa comprendere e ripensare l’azienda a livello più alto, come se si potesse salire su una scala e osservare tutti i processi (produttivi, distributivi, commerciali) nel loro complesso e nelle loro sinergie, senza silos o particolarismi. Una visione strutturale, che apre gli occhi sui colli di bottiglia, sulle opportunità non sfruttate e sui rami morti da rivedere o eliminare.

Costruire una customer experience coinvolgente

Abbiamo ormai imparato che la Customer Experience risulta dalla somma di tutte le esperienze che un cliente vive quando entra in relazione con un Brand, lungo l’intera durata del loro rapporto. Rappresenta, di fatto, la capacità di un’azienda di leggere e comprendere la componente emozionale dei propri clienti e porre in atto azioni che possano soddisfarli da un punto di vista funzionale ed emozionale.

Con la progressiva trasformazione di beni e servizi in commodity, la Customer Experience rappresenta ormai un elemento differenziante di fondamentale importanza. Il passaparola scaturisce - online e offline - da un’esperienza di contatto positiva con ritorni in termini di branding e di ricavi.

Le aziende che conseguono risultati migliori sul mercato mostrano valori di engagement e una cura dell’esperienza elevati. Lo strumento principale per studiare e comprendere le interazioni che il cliente ha con l’azienda è la Customer Journey Map, ovvero la rappresentazione visuale e la schematizzazione del percorso del cliente, e dei punti di contatto con il Brand su tutti i dispositivi e nel mondo reale.

Gestire il paradigma Smart Energy

Il futuro energetico sarà costruito da impianti da fonti sempre più rinnovabili ed efficienti, integrati con smart grid e sistemi di accumulo in modo da ridurre consumi, emissioni e sprechi, avvicinando la domanda di energia e la sua produzione più efficiente.

Oggi questa prospettiva di innovazione è a portata di mano da un punto di vista tecnologico e permette di aprire opportunità inedite di risparmio per le famiglie e le imprese attraverso sistemi innovativi di autoproduzione e gestione energetica. Manca solo il passaggio alla sperimentazione per capire come costruire nei diversi territori questo nuovo modello energetico.

Formare in modo costante i collaboratori

La formazione continua è volta a migliorare il livello di qualificazione e di sviluppo professionale delle persone che lavorano, assicurando alle imprese e agli operatori economici sia pubblici che privati, capacità competitiva e dunque adattabilità ai cambiamenti.

Anche la promozione della salute è Il processo che consente alle persone ed alle comunità di esercitare un maggiore controllo sulla propria salute e di migliorarla. Un processo sociale e politico globale, che non comprende solo azioni volte a rafforzare le abilità e le capacità dei singoli individui, ma anche azioni volte a modificare le condizioni sociali, ambientali ed economiche.

Aggiornare i propri sistemi gestionali

Un modo di classificazione del software gestionale riguarda il livello di supporto all'interno di una struttura gerarchica aziendale. Sotto questo punto di vista individuiamo:

Software per il supporto operativo: dedicato al supporto dei processi operativi ed agli scambi d'informazione orizzontale tra uno o più reparti dei processi produttivi (livello più basso della scala gerarchica aziendale). Ne sono un esempio tutti i software che vengono utilizzati direttamente dagli addetti del processo di produzione: acquisizione materie prime, software per l'avvio della macchina di produzione, gestione dei work in progress.

Software per il supporto direzionale: software dedicato al supporto di tutti i processi direzionali aziendali. Ottimizzazione degli scambi d'informazione dal livello più basso al livello più alto della scala gerarchica e viceversa.

Un passaggio delle informazioni di questo tipo è detto verticale e riguarda informazioni di controllo e direzionali su un determinato processo produttivo. Un esempio sono i software che vengono utilizzati dai responsabili di un determinato processo per il controllo del numero dei prodotti venduti o, più in generale, per il controllo delle performance di processo.

Software per il supporto strategico: software dedicato al supporto delle decisioni strategiche. Questi software sono in grado di effettuare previsioni di performance sulla base di dati storici aziendali in modo da permettere una migliore scelta strategica da parte del management.

Conoscere e sfruttare le leve agevolative

Sono state potenziate e indirizzate in una logica 4.0 tutte le misure che finora si sono rivelate efficaci e, per rispondere pienamente alle esigenze emergenti, ne sono state previste di nuove. Ecco le principali:

  1. Iper e Super Ammortamento – L’obiettivo di questo provvedimento è supportare e incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, in beni materiali e immateriali (software e sistemi IT) funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi. L’iperammortamento consiste nella supervalutazione del 250% degli investimenti in beni materiali nuovi, dispositivi e tecnologie abilitanti la trasformazione in chiave 4.0 acquistati o in leasing. Il superammortamento prevede la supervalutazione del 140% degli investimenti in beni strumentali nuovi acquistati o in leasing. Per chi beneficia dell’iperammortamento c’è la possibilità di usufruire dell’agevolazione anche per gli investimenti in beni strumentali immateriali (software e sistemi IT).
  2. Nuova Sabatini – La Misura Beni Strumentali punta a sostenere le imprese che richiedono finanziamenti bancari per investimenti in nuovi beni strumentali, macchinari, impianti, attrezzature di fabbrica a uso produttivo e tecnologie digitali (hardware e software). Garantisce un contributo a parziale copertura degli interessi pagati dall’impresa su finanziamenti bancari di importo compreso tra 20.000 e 2.000.000 di euro, concessi da istituti bancari convenzionati con il MISE, che attingono sia a un apposito plafond di Cassa Depositi e Prestiti, sia alla provvista ordinaria. Il contributo è calcolato sulla base di un piano di ammortamento convenzionale di 5 anni con un tasso d’interesse del 2,75% annuo ed è maggiorato del 30% per investimenti in tecnologie Industria 4.0. Inoltre la Nuova Sabatini consente l’accesso prioritario al Fondo centrale di Garanzia nella misura massima dell’80%.
  3. Credito d’imposta R&S – Lo scopo è stimolare la spesa privata in Ricerca e Sviluppo per innovare processi e prodotti e garantire così la competitività futura delle imprese. Consiste in un credito d’imposta del 50% su spese incrementali in Ricerca e Sviluppo, riconosciuto fino a un massimo annuale di 20 milioni di €/anno per beneficiario e computato su una base fissa data dalla media delle spese in Ricerca e Sviluppo negli anni 2012-2014. La misura è applicabile per le spese in Ricerca e Sviluppo che saranno sostenute nel periodo 2017-2020.
  4. Patent Box – È un regime opzionale di tassazione agevolata sui redditi derivanti dall’utilizzo di beni immateriali: brevetti industriali, marchi registrati, disegni e modelli industriali, know how e software protetto da copyright. L’agevolazione consiste nella riduzione delle aliquote IRES e IRAP del 50% dal 2017 in poi sui redditi d’impresa connessi all’uso diretto o indiretto (ovvero in licenza d’uso) di beni immateriali sia nei confronti di controparti terze che di controparti correlate (società infragruppo). Il beneficio è dato a condizione che il contribuente conduca attività di R&S connesse allo sviluppo e al mantenimento dei beni immateriali.
  5. Startup e PMI innovative – Le nuove imprese (startup) innovative godono di un quadro di riferimento a loro dedicato in materie come la semplificazione amministrativa, il mercato del lavoro, le agevolazioni fiscali, il diritto fallimentare. Larga parte di queste misure sono estese anche alle PMI innovative, cioè a tutte le piccole e medie imprese che operano nel campo dell’innovazione tecnologica, a prescindere dalla data di costituzione o dall’oggetto sociale.

contenuti simili

Neosperience Health a COSMOFARMA 2021
artificial intelligence digital health event

Neosperience Health a COSMOFARMA 2021

Neosperience dal 9 al 12 settembre ha partecipato come espositore alla Cosmofarma Exhibition 2021, l’evento leader a...
Intelligenza Artificiale: il Covid-19 stimola l'innovazione?
artificial intelligence future society

Intelligenza Artificiale: il Covid-19 stimola l'innovazione?

L’Intelligenza Artificiale è attrice protagonista nella lotta contro il Covid-19. In questi mesi è stata utilizzata...
Intelligenza Artificiale e gender: stereotipi, discriminazioni e possibili soluzioni
artificial intelligence future society

Intelligenza Artificiale e gender: stereotipi, discriminazioni e possibili soluzioni

La tecnologia migliora la qualità della vita? Esiste una correlazione tra felicità e tecnologia? Dallo scorso novembre...

Hai apprezzato l’articolo?

Contattaci per capire cosa possiamo fare per la vostra azienda.