Il nostro viaggio nella Fabbrica del Futuro

un edificio con un muro di pietra
future case study

Venerdì 26 maggio ha preso vita al Parco dell’Acqua, nel cuore di Brescia, la Fabbrica del Futuro

Fabbrica del Futuro è uno spazio innovativo a cura di Confindustria Brescia, che espone una sintesi delle eccellenze imprenditoriali locali in occasione dell’anno di Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023.

L’iniziativa prevede un viaggio panoramico e multimediale nell'innovazione e nell'eccellenza della cultura imprenditoriale bresciana, lombarda e italiana articolato in cinque sezioni, i “pilastri” su cui si basa la Fabbrica del Futuro:

  • Cultura d’impresa
  • Impresa e territorio
  • Ricerca e innovazione
  • Sostenibilità
  • Welfare

I 30 progetti esposti alla Fabbrica del Futuro, selezionati a seguito di un concorso di idee, rappresentano altrettanti esempi di buone pratiche industriali e sociali.

In qualità di partner tecnici dell’iniziativa Fabbrica del Futuro abbiamo dato vita a un’esperienza mobile che permette ai visitatori di esplorare, semplicemente scansionando un QR Code, i progetti esposti e le aziende protagoniste dell’iniziativa, guidati dalla nostra digital human Sofia.

In questo modo garantiamo al pubblico non solo una fruizione immediata e intuitiva delle informazioni contestuali necessarie a inquadrare i singoli progetti nel quadro dell’iniziativa, ma anche la possibilità di approfondire e conoscere le realtà esposte per mezzo di video promozionali, interviste e materiali interattivi.

NSPblogbody_01-1

Neosperience e il futuro delle imprese italiane

In Neosperience fornire servizi e soluzioni per dare forma alla “fabbrica del futuro” è all’ordine del giorno.

Anche noi, che operiamo in tutta Italia ma abbiamo radici proprio nel territorio bresciano, intendiamo la fabbrica del futuro come un'industria più sostenibile e integrata con il territorio, tecnologicamente avanzata nei processi, e al contempo consapevole del suo imprescindibile capitale umano.

Abbiamo pertanto deciso di partire proprio dai cinque pilastri in cui si articola l’esposizione per raccontarvi quali sono secondo noi le caratteristiche della fabbrica del futuro e le migliori pratiche da implementare per garantire alle imprese un domani migliore.

Cultura d’impresa

La fabbrica del futuro è basata sull'eccellenza del fare, sull'impegno, sulla qualità. Questi valori sono alla base della cultura di una realtà industriale come quella di Brescia, ma si ritrovano anche nelle piccole e medie imprese di tutta Italia.

In fase di crescita, nel passaggio per esempio dalla conduzione familiare all’espansione su larga scala, l’attaccamento profondo ai valori artigianali – attenzione al dettaglio, competenza tecnica, dedizione al lavoro – non si perde, ma si arricchisce.

La fabbrica del futuro non abbandona le sue radici, ma le valorizza, le trasforma e le eleva attraverso la lente dell'innovazione e del progresso, integrandole in un’ottica di trasformazione organizzativa e di transizione digitale.

Buone pratiche

  • Cogli i vantaggi della trasformazione digitale grazie al modello Corporate Start-up: un approccio innovativo che non mette a rischio le tue attività tradizionali;
  • Supera i limiti degli e-commerce tradizionali dotando la tua azienda di una Digital Commerce Platform personalizzata, scalabile e modificabile.

Impresa e territorio

La seconda caratteristica della Fabbrica del Futuro è l'integrazione tra impresa e territorio. La fabbrica del futuro non è, e d’altronde non è mai stata, un’entità isolata rispetto al tessuto sociale che la circonda.

Al contrario, gli stabilimenti produttivi sono sempre stati e continueranno a essere parte integrante del territorio, un nodo cruciale in una rete di relazioni che coinvolge l’area circostante e le attività che vi si svolgono. Sono proprio le piccole e medie imprese a incarnare al meglio questa contaminazione, dal momento che intrattengono un legame strettissimo con il contesto in cui operano.

La fabbrica del futuro, oltre a generare posti di lavoro, collabora dunque con il sistema scolastico e universitario in uno scambio continuo di conoscenze e competenze; fa parte della storia e della cultura locale, arricchendone il patrimonio materiale e immateriale; valorizza e promuove lo sviluppo della creatività e dell’espressione artistica.

Buone pratiche

  • Coinvolgi la comunità in iniziative coinvolgenti di riscoperta e valorizzazione del territorio grazie all’uso della gamification;
  • Dai nuovo valore al patrimonio culturale materiale e immateriale contribuendo alla costruzione di esperienze culturali trasformative.

Ricerca e innovazione

Il terzo pilastro su cui si costruisce la fabbrica del futuro è l'innovazione, una missione che in questi anni passa imprescindibilmente dalla transizione digitale e si concretizza in sigle divenute ormai parti integranti delle attività e dei processi del manifatturiero: Industria 4.0 e Industria 5.0.

Nelle industrie italiane del domani, l’ambito Research and Development non è più un lusso riservato alle grandi multinazionali, ma diventa una componente fondamentale anche per le piccole e medie imprese, mettendo a sistema l’alto livello di specializzazione che le contraddistingue da sempre.

Grazie all’adozione di soluzioni scalabili e personalizzabili, anche nelle PMI si apre la porta a processi produttivi sofisticati, che fanno uso di tecnologie di ultima generazione, potenziati dall'Internet of Things e dall'Intelligenza Artificiale.

Buone pratiche

Sostenibilità

La sostenibilità, non più vista semplicemente come un onere legislativo o un imperativo morale, ma come un'opportunità di innovazione e differenziazione, è il quarto pilastro della fabbrica del futuro.

Se intendono prosperare in un futuro sempre più incerto, le imprese del domani non dovranno solo essere consapevoli del proprio impatto ambientale, ma anche fare di tutto per ridurlo, mettendo in discussione processi produttivi e abitudini quotidiane in ugual misura.

Non è più un consiglio, ma sta progressivamente diventando un obbligo, la transizione ecologica delle industrie verso materiali sostenibili, l’ottimizzazione dei processi per minimizzare lo spreco e l'inquinamento, e l’investimento in energie rinnovabili.

Buone pratiche

  • Tieni sotto controllo le emissioni di anidride carbonica di tutti i tuoi stabilimenti produttivi grazie a una piattaforma di Industrial IoT su misura;
  • Effettua controlli periodici e manutenzioni predittive grazie al Machine Learning, riducendo al minimo gli sprechi.

Welfare

L’ultimo pilastro, per ordine ma assolutamente non per importanza, della fabbrica del futuro è l'enfasi sul welfare e sulla valorizzazione del capitale umano.

Le imprese del futuro sanno che i loro dipendenti sono molto di più di semplici “risorse umane”: al contrario, sono il cuore pulsante dell'organizzazione. Per questo motivo non si considera più la diversità e l’inclusione un semplice obbligo da assolvere per evitare ripercussioni legali, ma le si riconosce il differenziale competitivo nella produttività e non solo.

La fabbrica del futuro, pertanto, investe nel benessere dei lavoratori e nella formazione continua, mette in pratica modalità di lavoro agile che consentono di raggiungere obiettivi operativi in minore tempo e con maggiore flessibilità e, soprattutto, si impegna a creare un ambiente di lavoro accessibile, positivo e stimolante per tutti.

Buone pratiche

  • Dota i tuoi touchpoint digitali di strumenti di accessibilità, per fornire un’esperienza digitale davvero inclusiva ed empatica;
  • Guida la trasformazione digitale della tua impresa secondo i principi Agile, aumentando la produttività e riducendo i tempi di consegna.

La fabbrica del futuro parte da oggi

Nella visione congiunta di Confindustria Brescia e di Neosperience, la "fabbrica del futuro" è un'entità che, pur sempre radicata nelle sue tradizioni, si proietta verso l'innovazione, la sostenibilità e il benessere dei suoi lavoratori.

Il viaggio nella Fabbrica del Futuro di Brescia è un'esplorazione di ciò che può essere l'industria italiana a tutto tondo, se abbracciamo pienamente queste idee e le mettiamo in pratica giorno dopo giorno, nelle piccole e nelle grandi sfide che le aziende affrontano.

Volete portare i principi della fabbrica del futuro all’interno della vostra azienda?

Grazie alle tecnologie di Neosperience Cloud, vi aiuteremo a guardare al domani con sguardo nuovo, con soluzioni personalizzate per le vostre esigenze. Non esitate a contattarci!

contenuti simili

Cookieless: come sopravvivere alla fine dei cookie di terze parti?
artificial intelligence digital customer experience big data

Cookieless: come sopravvivere alla fine dei cookie di terze parti?

Google ha appena annunciato che ha deciso di rimandare di quasi due anni, dal 2022 a fine 2023, l'eliminazione dei...
Dario Melpignano al 51° Convegno Nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria
future neosperience people

Dario Melpignano al 51° Convegno Nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria

PaesEuropa – Tempo di nuova globalizzazione Dario Melpignano, CEO di Neosperience, venerdì 24 giugno è intervenuto al...
Soft (Vs Hard) Data Marketing: come migliorare il Customer Engagement
customer journey digital customer experience customer loyalty

Soft (Vs Hard) Data Marketing: come migliorare il Customer Engagement

Il marketing one-to-one è una strategia di gestione della relazione con i clienti che si basa sulla personalizzazione...

Hai apprezzato l’articolo?

Contattaci per capire cosa possiamo fare per la vostra azienda.