go up

Siamo tutti consapevoli che l’Italia ha bisogno di ripartireServono investimenti mirati e oculati, e il sostegno di tutti, soggetti privati e pubblici

La stagnazione che contraddistingue l’economia italiana da anni, unita alla crisi che stiamo vivendo, deve farci riflettere su quale futuro immaginiamo per il nostro Paese, e su cosa noi stessi - in prima persona - possiamo fare per vederlo realizzato. 

Serve un sostanziale cambiamento in ogni ambito. Servono imprenditori coraggiosi che riescano a vedere - oltre la crisi - l’opportunità. 

Possiamo contare sulla nostra creatività e resilienza, che ci contraddistinguono come popolo. Ma è essenziale anche un sostegno economico incentivato dallo Stato per avviare un'azione strutturata di innovazione e digitalizzazione delle imprese. 

Esiste già un insieme di incentivi e agevolazioni pensati per stimolare gli investimenti privati nello sviluppo e adozione di tecnologie innovative per l’Impresa 4.0. 

In quali ambiti?

  • R&D (Ricerca e Sviluppo);
  • Acquisizione e sviluppo di soluzioni digitali (per il marketing, l’IoT, la gestione aziendale, etc.);
  • Investimenti in formazione dedicati ai dipendenti sulle nuove tecnologie.

In questo articolo tratteremo alcune delle nostre soluzioni digitali (per la lista completa cliccate qui), e approfondiremo gli incentivi e le agevolazioni statali che possono sostenerne l'adozione. Esistono poi ulteriori agevolazioni e incentivi europei e regionali: per qualsiasi richiesta di informazioni non esitate a contattarci
 

Neosperience Customer Data Platform

Sappiamo che oggi fidelizzare e gestire il proprio pubblico è un’operazione difficile, una sfida con cui tutte le aziende si devono gioco forza scontrare. Abbiamo quindi sviluppato in Neosperience Cloud una Customer Data Platform che facilita questa operazione, permettendo alle organizzazioni di costruire facilmente una propria community di clienti

Come? Innanzitutto grazie all’Intelligenza Artificiale su cui si basa. Questa è in grado di prevedere i bisogni del pubblico e anticipare le loro richieste. Così facendo l’azienda è in grado di personalizzare esperienze e comunicazioni, interagendo, coinvolgendo e premiando i clienti in base alle loro azioni. L’obiettivo finale è un maggiore livello di fidelizzazione del pubblico.  

Neosperience CDP integra tutti i dati raccolti da ogni touchpoint fisico e digitale, per fornire all’azienda informazioni utili per gestire al meglio i clienti e risolvere in modo facile le problematiche in cui possono incorrere. 

 

Neosperience User Insight

Recuperare informazioni sugli utenti che usano i touchpoint digitali è prioritario per tutte le aziende. Ciò spesso avviene già, ma in modo superficiale. Una conoscenza che si basa esclusivamente sugli hard data è anacronistica. Oggi è possibile fare molto di più.

Neosperience User Insight, se implementato sui touchpoint digitali (sito web, app, sistema di digital commerce, chatbot, newsletter), è in grado, attraverso l’Intelligenza Artificiale su cui si basa e il background teorico costruito dai nostri psicologi del marketing, di fornire all’azienda i profili psicografici di ciascun utente, definiti in base al loro comportamento di navigazione nei touchpoint. 

In che modo è utile? Grazie a  Neosperience User Insight sarai in grado di scoprire le reali motivazioni psicologiche e attitudinali dietro le scelte del tuo pubblico: così facendo potrai contattare clienti e utenti (per esempio attraverso newsletter e remarketing) con comunicazioni altamente personalizzate, che si basano sulle loro caratteristiche uniche.

Allo stesso tempo, nel caso tornassero in contatto sui tuoi canali digitali, potrai modificare la visualizzazione grafica e contenutistica del tuo touchpoint, per andare incontro alle loro necessità di cui sei a conoscenza. 

 

Neosperience Image Memorability

Tutti noi siamo vittime di un overload informativo. Bombardati da migliaia di annunci, articoli e post, gli utenti non hanno letteralmente la capacità e la voglia di ricordarsi tutto. Anzi, alcune ricerche dimostrano che il 95% di ciò che vediamo durante la giornata viene dimenticato in pochi giorni, se non in ore o minuti. 

Questo è indubbiamente un problema per i brand che investono gran parte del loro budget in campagne. Il rischio di un ROI negativo è altissimo e i risultati sono spesso sotto le aspettative. Ma una soluzione è possibile, e offre risultati scientifici.

Neosperience Image Memorability è il primo strumento che permette a brand e professionisti di basarsi su solide basi scientifiche per scegliere le proprie immagini. La piattaforma, intelligente grazie ai nostri algoritmi di Machine Learning che abbiamo “educato” con migliaia di immagini, ti permette di sapere in anticipo quale fotografia o grafica sarà più efficace e verrà ricordata di più da clienti, utenti o passanti.

 

Incentivi e agevolazioni

Tutte le soluzioni che abbiamo elencato precedentemente possono essere acquistate utilizzando in parte gli incentivi e le agevolazioni che vi proponiamo di seguito, visionabili anche sulla pagina https://www.incentivi.gov.it/

 

Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali

A cosa serve

Supportare e incentivare le imprese che investono in beni immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi.

Quali vantaggi

Credito d'imposta nella misura del 15% del costo, nel limite massimo di 700.000 Euro. Si considerano anche le spese per servizi di cloud computing. 

A chi si rivolge

Tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato.

Come si accede

Il credito si applica agli investimenti effettuati a decorrere dal 1 gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, ovvero entro il 30 giugno 2021 a condizione che entro il 2020 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

 

Digital Transformation

Cos’è

Intervento agevolativo sulla Digital Transformation finalizzato a sostenere la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi PMI.

A chi si rivolge

Possono beneficiare delle agevolazioni le PMI, anche congiuntamente tra loro, purché in numero non superiore a dieci imprese.

Attività economiche ammesse

Le PMI, ai fini dell’accesso alle agevolazioni, devono operare in via primaria nel settore manifatturiero o in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere, nonché nel settore turistico.

Cosa finanzia

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono essere diretti alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi dei soggetti proponenti mediante l’implementazione di:

  • Tecnologie abilitanti individuate dal Piano nazionale Impresa 4.0. (advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics) e/o;
  • Tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera, finalizzate:
    1) all’ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione e della gestione delle relazioni con i diversi attori;
    2) al software;
    3) alle piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio;
    4) ad altre tecnologie, quali sistemi di e-commerce, sistemi di pagamento mobile e via internet, fintech, sistemi elettronici per lo scambio di dati (electronic data interchange-EDI), geolocalizzazione, tecnologie per l’in-store customer experience, system integration applicata all’automazione dei processi, blockchain, intelligenza artificiale, internet of things.

I progetti di spesa devono prevedere un importo di spesa non inferiore a euro 50.000,00 e non superiore a 500.000,00 Euro.

Le agevolazioni

Le agevolazioni sono concesse sulla base di una percentuale nominale dei costi e delle spese ammissibili, pari al 50 percento, articolata come segue:

  • 10 percento sotto forma di contributo;
  • 40 percento come finanziamento agevolato.

 

Nuova Sabatini - Beni strumentali. 

Cos'è

La misura Beni strumentali ("Nuova Sabatini") sostiene gli investimenti per acquistare o acquisire in leasing software e tecnologie digitali.

A chi si rivolge

Possono beneficiare dell’agevolazione le PMI.

Settori ammessi

Sono ammessi tutti i settori produttivi ad eccezione dei seguenti:

  • Attività finanziarie e assicurative
  • Attività connesse all’esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione

Cosa finanzia

Gli investimenti devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • Autonomia funzionale dei beni
  • Correlazione dei beni oggetto dell’agevolazione all’attività produttiva svolta dall’impresa

Le agevolazioni

Consistono nella concessione da parte di banche e intermediari finanziari di finanziamenti alle micro, piccole e medie imprese, nonché di un contributo da parte del MISE rapportato agli interessi sui predetti finanziamenti.

L’investimento può essere interamente coperto dal finanziamento bancario (o leasing)

Il finanziamento, che può essere assistito dalla garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino all’80% dell’ammontare del finanziamento stesso, deve essere:

  • Di durata non superiore a 5 anni
  • Di importo compreso tra 20.000 euro e 4 milioni di euro
  • Interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili

Il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico è un contributo il cui ammontare è determinato dal valore degli interessi calcolati su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo uguale all’investimento, ad un tasso d’interesse annuo pari al:

  • 3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali

 

Contattaci

Per ulteriori informazioni potete contattarci utilizzando il form del sito (qui) o chiamando il numero📞 +39 02 36755706

I nostri esperti sono a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento: insieme troveremo la soluzione migliore per il vostro business.